Poesie di Giorgio Caproni2001

 

di Tina Borgogni Incoccia

 

Dedicato alla madre Anna Picchi, Il seme del piangere è un canzoniere che comprende poesie scritte da Giorgio Caproni tra il 1950 e il 1958 e rappresenta un momento cronologicamente centrale nella sua attività poetica, come deduciamo dalla raccolta quasi completa dei suoi versi, da lui curata  e arricchita di riferimenti biografici. Le prime raccolte di versi di Giorgio Caproni risalgono al decennio 1932-1942: Come una allegoria, Ballo a Fontanigorda, Finzioni, Cronistoria. Si tratta di versi brevi: settenari, ottonari rimati irregolarmente, versi aerei e leggeri, nitidi e freschi, che sanno di mare, di sole, di vento, di tepore primaverile.

 

Questo odore marino

[…]

che mi rammenta tanto

i tuoi capelli, al primo, chiarieggiato mattino.

negli occhi ho il sole fresco

del primo mattino. […]

Donna che apre riviere

             […]

L’ aria delle mattine

bianche è la tua aria

di sale e sono vele

al vento, sono bandiere […]

Sono donne che sanno

[…]

senti sulla tua pelle

fresco aprirsi di vele

e alle labbra d’arselle

deliziose querele […]

 

Caproni sottolinea l’andamento fusiforme della sua struttura metrica, cioè il passaggio dai versi brevi delle prime composizioni (1932-1942) agli endecasillabi più ampi e distesi dei sonetti e delle ballate composti nel successivo decennio (1943-1953) e in seguito, il ritorno ai versi brevi e addirittura alla forma estremamente concentrata, quasi afasica delle poesie dell’ultimo periodo.

Le motivazioni del ritorno alla forma poetica della tradizione letteraria sono vane. Egli dice che negli anni bui e disperati della guerra, con la sensazione desolante del crollo di tutto un mondo di valori, sentiva il bisogno di una rifondazione di punti di riferimento che si manifestava anche come esigenza di una rifondazione poetica, di un bisogno di schema chiuso, di tensione metrica, di ordine, quasi per reazione ad un mondo che andava sfasciandosi. Si trattava anche di una reazione al frammentismo lirico che aveva caratterizzato la corrente poetica tra le due guerre, l’ermetismo, che ormai andava esaurendosi. In realtà Caproni non era mai stato un poeta ermetico, così bisognoso come era di riferimenti concreti. Forse in Cronistoria troviamo qualche espressione più oscura, più allusiva:

 

I lamenti

II mare brucia le maschere,

le incendia il fuoco del sale.

Uomini pieni di  maschere avvampano sul litorale. […]

 

Dopo la tremenda prova della guerra c’era una grande esigenza di chiarezza ed anche il bisogno di orientarsi verso il discorso, dopo tanta insistenza sulla parola isolata, di passare cioè dalla lirica pura al racconto, dalla solitudine alla vita collettiva: una nostalgia del narrare che porterà Caproni alla forma del poemetto narrativo, nella poesia e ad una serie di racconti, nella prosa. La sua riedizione del sonetto non si esprimeva in un canto facile e disteso. Si tratta di un sonetto che il critico Mengaldo chiama riformato, pieno di interiezioni, esclamazioni, interrogazioni, con l’uso di un linguaggio dissonante, stridente, scarno e scabro, conforme a quella che egli chiamava la vena ligustica della sua poesia.

 

Le carrette del latte, ahi mentre il sole

sta per pungere i cani. Cosa insacca

la morte sopra i selci nel fragore

di bottiglie in sobbalzo? […]

 

Dopo la forzata immobilità dovuta alla guerra, si nota anche la citazione frequente di vari mezzi di trasporto: le biciclette, il treno, il tram, l’ascensore, la funicolare. Questi ultimi due costituiscono anche il titolo di due poesie riferite a Genova, la sua città dagli amori in salita, la sua città di mare tutta scale, come egli teneramente la ricorda. In queste poesie Caproni usa una grande varietà di registri, alla ricerca di una lingua vicina al parlato, pur senza essere dialettale. Sono versi pieni di insistenze foniche, di ripetizioni in misura quasi ossessiva. In Litania il nome di Genova viene ripetuto novanta volte.

 

Nella celebrazione-rievocazione di Genova, la figura familiare di riferimento è soprattutto quella del padre, come appare nel poemetto Il passaggio di Enea (1943-55). L’ispirazione gli viene da un piccolo monumento di Genova, salvatosi dalla distruzione della guerra, che rappresenta Enea con sulle spalle il padre Anchise e per mano il figlioletto Ascanio. Caproni si sente come Enea, solo e disperato in esilio (si era trasferito a Roma). Nei versi si sente i1 rimpianto di quando, nell’infanzia, l’appoggio robusto del padre gli dava un tranquillo senso di sicurezza:

 

I lamenti

Io come sono solo sulla terra

coi miei errori, i miei figli, l’infinito […]

 

Trenta anni dopo, (1972) sentendosi a sua volta vecchio e stanco, scriverà una poesia per il figlio ed è interessante osservarne la differente struttura metrica:

 

A mio figlio Attilio Mauro che ha il nome di mio padre

Diventa mio padre, portami

per la mano

dov’è diretto sicuro

il tuo passo d’Irlanda […]

 

Da notare l’abbandono della forma metrica del sonetto e la musicalità prodotta dalle assonanze, le rime interne, le ripetizioni, le riprese rimiche tra la fine di un verso e l’inizio del successivo, quasi eco che prolunga fonicamente il verso precedente, arricchendolo di intensità semantica. Il richiamo alla musica è in carattere con Caproni che si era avviato alla carriera di violinista e aveva anche studiato composizione musicale, consolidando il suo senso del ritmo. Riferimenti musicali frequenti si trovano anche nei titoli delle sue poesie: Arietta, Larghetto, Andantino, Cantabile. Una delle ultime raccolte poetiche, Il conte di Kevenhuller (1984-85) ha la conformazione di un libretto d’opera.

 

il tuo passo d’Irlanda […]

[…]

udendo le sirene sie più forte,

pon giù il seme del piangere ed ascolta […]

Il seme del piangere è il momento centrale della attività poetica di Caproni, dopo un decennio di esperienze traumatiche: la guerra, la sconfitta, la clandestinità, la malattia e la morte della madre, la vecchiaia del padre. E’ quella che egli chiama la stagione del lutto, un decennio di bianca e quasi forsennata disperazione, testimoniata anche dai titoli dei versi: I lamnenti, Gli anni tedescbi, I sonetti dell’anniversario, che è un anniversario di morte, per la perdita di una giovanissima fidanzata.

 

Dopo la morte della madre ha inizio la fase poetica del ritorno, della nostalgia, tesa a ripercorrere le strade della propria vita, prima quelle di Genova, città dei primi amori e dei primi grandi dolori, quindi quelle dell’altra città, Livorno che appartiene a un passato ancora più lontano e irrevocabile, in cui egli cerca la sua identità e le sue

radici. Gia nelle Stanze, di ambiente genovese, il tunnel da cui emerge la funicolare, chiamata volta a volta arca, barca, urna, tomba, e che segue un percorso reale e simbolico al tempo stesso, con le sue soste che evocano le tappe dell’esistenza, da notte a notte, può sembrare una metafora del ventre materno. E ancora a Genova nella poesia L’ascensore, incontriamo la madre sul belvedere di Castelletto:

 

[…]

dove si sta in vestaglia, chissà che fra la ragazzaglia

aizzata (fra le leggiadre giovani in libera uscita

con cipria e odor di vita

viva) non riconosca sotto un fanale mia madre […]

 

L’immagine di se stesso e della madre fidanzati, in cui probabilmente vengono strette in una sola figura la madre e la giovane fidanzata perduta prestissimo, si ritroverà anche nell’ultima parte del canzoniere livornese, dove si attua un viaggio a ritroso nel tempo, alla ricerca della propria esistenza fisica e letteraria.

 

Sono un  genovese di Livorno, usava dire Caproni, perché egli era nato a Livorno e vi aveva vissuto i primi dieci anni della sua vita. Anche per trovare lo strumento  linguistico adatto a questa rievocazione, egli si ispira alle prime forme poetiche della nostra lingua materna; usa infatti come epigrafe alcuni versi di Dante che danno anche il titolo al poemetto e utilizza per l’inizio, quasi accordo musicale, l’intonazione metrica della ballata dell’esilio di Cavalcanti, (non a caso un’antologia degli stilnovisti era stato il suo primo incontro con la poesia) perché anch’egli si sente come un esule:

 

[…]

perch’io che nella notte abito solo,

anch’io di notte, strusciando un cerino

sul muro, accendo cauto una candela

bianca nella mia mente-apro una vela

timida nella tenebra […]

 

Dopo i versi de Il passaggio di Enea si sente che il poeta ha personalmente realizzato anche il passaggio ad una sicurezza espressiva, dovuta ormai alla piena padronanza dei suoi mezzi.

Si ritrova il motivo delle vele, del vento, della salsedine, delle ragazze che lasciano dietro di se una lieve scia di profumo e la carica sensuale e fresca della sua prima poesia confluisce in questo momento di splendida maturità creativa per celebrare la figura femminile che avanza all’alba lungo una vecchia strada di Livorno, circonfusa di luce stilnovistica.

Tina Borgogni Incoccia

 

Giorgio Caproni Poesie, Garzanti, 1989

 

21 luglio 2001

La Repubblica Letteraria Italiana. Letteratura e Lingua Italiana online

www.repubblicaletteraria.it

 

Top